Responsabile Scientifica: Prof.ssa Lucia Avallone

1. Due parole sulla lingua araba

L’arabo standard è la lingua ufficiale di ventidue stati indipendenti uniti nella Lega Araba (per un totale di circa 400 milioni di persone), lingua religiosa dell’Islàm (anche dei musulmani che non parlano arabo) e una delle lingue ufficiali delle Nazioni Unite. L’arabo standard viene insegnato nelle scuole arabe, dalle elementari al liceo, viene usato nella letteratura contemporanea, nella stampa e nei telegiornali, nelle comunicazioni di tipo amministrativo e in ogni situazione in cui sia richiesta una certa ufficialità. Accanto all’arabo standard, in ogni paese arabo sono diffuse versioni parlate della lingua, i dialetti, che differiscono da un paese all’altro, ma sono più o meno riconducibili all’arabo standard, a patto di esercitarsi sin dall’inizio a riconoscere alcune caratteristiche che distinguono il dialetto dallo standard. 

2. Com’è strutturato il corso?

Il corso prevede 24 incontri da 2 ore e mezza, rivolti a chi non abbia alcuna conoscenza pregressa, aventi l’obiettivo di accompagnare corsisti e corsiste alla scoperta di questa lingua, dalla scrittura (che sarà possibile acquisire in pochi incontri) al sistema fonologico, dalle strutture grammaticali di base al lessico necessario per acquisire una competenza immediatamente spendibile. L’approccio sarà rigoroso ma pratico, incentrato sulla comunicazione, non solo scritta, ma anche orale, per cercare di venire incontro alle esigenze di coloro che intendono servirsi immediatamente dell’arabo. Occasionalmente, saranno fornite indicazioni su alcune caratteristiche dei principali dialetti. Il corso si rivolge a chi sia interessato all’arabo per motivi di studio, di lavoro, di turismo, a chi desideri riscoprire le proprie radici, a chi voglia interagire con i nostri vicini di casa arabofoni o a chi semplicemente nutra un interesse culturale. Non sono richieste conoscenze pregresse e il corso si prefigge di affrontare una serie di argomenti che dovrebbero mettere in grado corsisti e corsiste di acquisire competenze corrispondenti al livello A1 del QCER.  

3. Programma

Durante il corso saranno affrontati i seguenti argomenti grammaticali: scrivere e leggere l’arabo; la declinazione; l’articolo definito; genere e numero dei sostantivi; plurali sani e fratti; pronomi personali (isolati e suffissi); principali preposizioni; frase nominale; stato costrutto; declinazione dei cinque nomi; passato, presente e futuro del verbo primitivo; forma interrogativa e negativa; dimostrativi. Sarà inoltre acquisito il lessico relativo agli obiettivi corrispondenti al livello A1 del QCER. Per tale livello è previsto che corsisti e corsiste sappiano comprendere e utilizzare le espressioni necessarie a soddisfare bisogni concreti e immediati, che siano in grado di presentarsi, di porre domande personali e rispondere a queste stesse domande (ad esempio il luogo in cui si vive, le persone che si conoscono, etc.), che siano in grado di interagire se l’interlocutore parla lentamente e chiaramente. Saranno occasionalmente presentate alcune caratteristiche dei principali dialetti arabi.

4. Calendario

2023: 21, 28 ottobre - 4, 11, 18, 25 novembre - 2, 16 dicembre

2024: 13, 20, 27 gennaio - 3, 10, 17, 24 febbraio - 2, 9, 16, 23 marzo

- 6, 13, 20 aprile, 4 e 11 maggio

Dalle ore 10.00 alle 12.30, presso una delle sedi universitarie (Caniana o Città Alta)

5. Destinatari

Persone senza alcuna conoscenza pregressa della lingua araba.

6. Tariffario

Tariffa intera: € 500,00

Tariffa ridotta per gli studenti iscritti all’Università degli studi di Bergamo e il personale dell’Ateneo: € 250,00.

Testo: il costo del libro di testo (da definirsi) non è compreso nella quota di iscrizione.

Il pagamento dell’iscrizione sarà possibile esclusivamente tramite la piattaforma PAGOPA.

 

È POSSIBILE ISCRIVERSI COMPILANDO IL SEGUENTE MODULO : ISCRIZIONE

Insegnante: Dott. Abdellah Gargati (CV)

 

1. Due parole sul dialetto marocchino

L’arabo marocchino, detto anche dārija, è la lingua più diffusamente parlata in Marocco, paese che conta circa 37 milioni di abitanti. Lingua madre anche di numerosi immigrati residenti in Italia, la dārija è impiegata nella comunicazione quotidiana, in famiglia e nella comunità di appartenenza. Una buona competenza in questa varietà linguistica informale consente a chi viaggia in Marocco di affrontare le situazioni di vita ordinaria comunicando con gli abitanti del luogo e a chi opera in Italia a contatto con persone arabofone di espressione marocchina fornisce strumenti utili per la comprensione reciproca. Il corso è rivolto a chi sia interessato a questa varietà per motivi di studio, di lavoro, di turismo, a chi desideri riscoprire le proprie radici, a chi voglia interagire con gli arabofoni di espressione marocchina o a chi semplicemente nutra un interesse culturale. Non sono richieste conoscenze pregresse e il corso si prefigge di affrontare una serie di argomenti che dovrebbero mettere in grado corsisti e corsiste di acquisire competenze corrispondenti al livello A1 del QCER. 

2. Com’è strutturato il corso?

Il corso prevede 24 incontri da 2 ore e mezza, rivolti a chi non abbia alcuna conoscenza pregressa del dialetto marocchino, con l’obiettivo di fornire a corsisti e corsiste strumenti di comunicazione di base. Il corso sarà infatti fondamentalmente impostato sullo sviluppo di competenze orali e avrà per oggetto l’apprendimento del sistema fonologico, con una breve introduzione anche alla scrittura, delle strutture grammaticali di base del lessico e delle espressioni comunicative necessarie a una competenza immediatamente spendibile.

3. Programma

I corsisti impareranno a comunicare in arabo marocchino in situazioni di vita quotidiana quali: salutare, presentarsi, indicare e riconoscere oggetti, chiedere e dare informazioni su di sé e sulla propria famiglia, individuare oggetti, luoghi ed eventi nello spazio-tempo, utilizzare in maniera appropriata complimenti e frasi di cortesia, esprimere pareri e stati d’animo, invitare a mangiare/bere/visitare la propria casa, fare la spesa. A questo scopo, i corsisti verranno introdotti alla pronuncia dell’arabo marocchino attraverso una descrizione del sistema fonologico; saranno inoltre affrontati argomenti di grammatica basilari quali gli articoli, i dimostrativi, gli aggettivi, i pronomi personali, la frase interrogativa e negativa, l’espressione del possesso, le coniugazioni dei verbi di I forma e i numeri. Insieme alla pronuncia, ai corsisti verrà anche spiegato come leggere e scrivere l’alfabeto arabo, perché possano interpretare semplici scritte (nomi di persone o città, ecc.) Sarà inoltre acquisito in buona parte il lessico relativo agli obiettivi corrispondenti al livello A1 del QCER. Per tale livello è previsto che corsisti e corsiste sappiano comprendere e utilizzare le espressioni necessarie a soddisfare bisogni concreti e immediati, che siano in grado di presentarsi, di porre domande personali e rispondere a queste stesse domande, che siano in grado di interagire se l’interlocutore parla lentamente e chiaramente.

4. Calendario

Il corso è stato annullato per mancanza del numero minimo di iscrizioni. Per rimanere aggiornati sulle future edizioni consigliamo di compilare il seguente form online ISCRIZIONE

5. Destinatari

Persone senza alcuna conoscenza pregressa del dialetto arabo marocchino.

6. Tariffario

Tariffa intera: € 500,00

Tariffa ridotta per gli studenti iscritti all’Università degli studi di Bergamo e il personale dell’Ateneo: € 250,00.

Testo: il costo del libro di testo (da definirsi) non è compreso nella quota di iscrizione.

Il pagamento dell’iscrizione sarà possibile esclusivamente tramite la piattaforma PAGOPA.

È POSSIBILE ISCRIVERSI COMPILANDO IL SEGUENTE MODULO: ISCRIZIONE